Comune di Torre Pallavicina – Informazioni Paese e Turismo

ARTICOLI Torre Pallavicina  ITINERARI  Torre Pallavicina  EVENTI  Torre Pallavicina NEGOZI Torre Pallavicina  MANGIARE  Torre Pallavicina  DORMIRE  Torre Pallavicina  LOCALI  Torre Pallavicina SERVIZI  Torre Pallavicina AZIENDE Torre Pallavicina CASE  Torre Pallavicina SCUOLE  Torre Pallavicina ASSOCIAZIONI  Torre Pallavicina ARTISTI Torre Pallavicina  WEB CAM Torre Pallavicina  VIDEO  Torre Pallavicina

CENNI STORICI DI Torre Pallavicina

Le poche informazioni inerenti alla storia di Torre Pallavicina riguardano quasi unicamente l’epoca medievale. Prima di questa si presume che il territorio fosse interessato da piccoli insediamenti risalenti all’epoca romana, dato che il borgo veniva inizialmente identificato con il nome di Floriano, probabilmente inserito in quello che veniva comunemente chiamato vicus Florianus.

Al termine della dominazione romana si verificò un periodo di scarsa antropizzazione del territorio, interrotta dall’arrivo deiFranchi. Furono questi a dare vita all’istituzione del Sacro Romano Impero, i cui reggenti governarono le sorti del paese per tutta l’epoca medievale.

Si sa che questi territori vennero donati in feudo, unitamente alle zone circostanti, al Vescovo di Cremona già nell’XI secolo.

Fu però con l’arrivo della signoria dei Barbò, documentata dal 1070, che il borgo ebbe un periodo di notorietà, durante il quale, risentendo delle lotte di fazione tra guelfi e ghibellini, ritenne necessario dotarsi di numerosi edifici fortificati. I signori del borgo, di schieramento ghibellino e legati con la signoria dei Visconti di Milano, fecero erigere a Tristano Visconti, figlio di Bernabò, una torre sui loro territori che fungesse da vedetta sulle zone limitrofe e sul corso del fiumeOglio, da sempre confine tra le varie entità politiche.

Qualche tempo più tardi a fianco della torre venne costruito un palazzo, con scopi sia difensivi che residenziali, dal marchese Pallavicino, che fece costruire anche l’omonimo canale irriguo che scorre nel paese e che sposò Beatrice, figlia di Tristano Visconti. Da questo matrimonio ottenne anche il possesso del borgo, che assunse il nome di Torre Pallavicina.

Essendo zona spartiacque anche tra la Repubblica di Venezia ed il Ducato di Milano, venne inserita in una vera e propria zona franca, chiamata Calciana, senza tasse da versare e con una propria amministrazione. E come in tutte le zone di confine, notevole era il contrabbando praticato nonostante le rigide leggi che lo vietavano, pena dure sanzioni, anche se per gli abitanti stessi questa era una delle principali fonti di sostentamento.

La totale esenzione dalle tasse durò fino alla metà del XVIII secolo, mentre pochi decenni più tardi si verificò il passaggio alla Repubblica Cisalpina. La nuova dominazione revocò tutti i privilegi riservati al paese, che fu annesso al dipartimento facente a capo a Bergamo, ed unito amministrativamente ai vicini comuni di Calcio e Pumenengo.

Nel XX secolo il paese ha subito la crisi del settore agricolo che, non compensata dall’evoluzione industriale, lo ha nuovamente relegato a ruolo marginale nell’economia della bassa bergamasca.

IITINERARI di TORRE PALLAVICINA:

In località Portici, entro il territorio comunale, si trova una grande villa rustica con palazzotto cinquecentesco in stile neoclassico, nota appunto come Villa del Portico. Nei pressi si trova inoltre la chiesa di santa Maria Assunta, del XVI secolo, restaurata nel XX secolo; al suo interno ospita tele del XVIII e del XIX secolo, oltre ad una notevole pala delSolaro raffigurante l’Assunta.

La frazione Torre ospita il Palazzo Barbò, un’imponente costruzione del XVI secolo con sale affrescate da Giulio eBernardino Campi. Nel parco del palazzo, di notevoli dimensioni, è situata la Torre di Tristano, risalente al XV secolo ad opera di Tristano Sforza; lo scopo della costruzione era permettere una più agevole sorveglianza delle vie di comunicazione e del naviglio. Nei pressi del palazzo sorge anche la villa Olofredi, che versa in condizioni di degrado nonostante il fastoso passato.

La frazione Villanuova ospita infine il Museo della Civiltà Contadina.

Popolazione Residente
1.068 (M 546, F 522)
Densità per Kmq: 103,7
Superficie: 10,30 Kmq
Codici
CAP 24050
Telefonico Prefisso 0363
Codice Istat 016217
Codice Catastale L276
Informazioni
Denominazione Abitanti torrepallavicinesi
Santo Patrono SS. Nazario e Celso
Festa Patronale ultima domenica di luglio
Etimologia (origine del nome)
E’ un composto di Torre e pallavicina, dal nome del casato Pallavicini.
Il Comune di Torre Pallavicina fa parte di:
 Parco dell’Oglio Nord
Comuni con nomi simili
 comuni con nome: Torre
Comuni Confinanti
Fontanella, Orzinuovi (BS), Pumenengo, Roccafranca (BS), Soncino (CR)
Musei nel Comune di Torre Pallavicina
 Museo della Civiltà Contadina

MERCATO SETTIMANALE

Torre Pallavicina Via Turchette martedi 8 Banchi

Numeri utili GENERALI

Carabinieri

112

Polizia Stradale

035.276.300

Polizia di Stato

113

Polizia Locale (centrale operativa) 

035.399.559

Vigili del Fuoco

115

Protezione Civile

035.399.399

Guardia di Finanza

117

Chiamata urgente su n° occupato 

4197

Corpo Forestale

1515

Pronto intervento ASM

800.014.929

Emergenza Sanitaria

118

Guasti fognature, acqua e gas   

035.216.162

Guardia medica

035.455.51.11

Enel (guasti luce) 

803.500

ATB     

035.236.026

Radio Taxi       

035.451.90.90

Pubblicato in Bassa Pianura Bergamasca, MERCATI BERGAMO, Pianura Bergamasca e PROVINCIA BERGAMO