Comune di Schilpario – Informazioni Paese e Turismo

ARTICOLI Schilpario  ITINERARI  Schilpario  EVENTI  Schilpario NEGOZI Schilpario  MANGIARE  Schilpario  DORMIRE  Schilpario  LOCALI  Schilpario SERVIZI  Schilpario AZIENDE Schilpario CASE  Schilpario SCUOLE  Schilpario ASSOCIAZIONI  Schilpario ARTISTI Schilpario  WEB CAM Schilpario  VIDEO  Schilpario

CENNI STORICI:

Inserito nello stupendo contesto naturalistico delle Prealpi Orobiche, Schilpario è un paese caratterizzato da una storia economica legata al passato sfruttamento delle miniere, nonché ambìta meta turistica dei decenni scorsi. Anche l’origine di questo borgo, analogamente agli altri della Valle di Scalve,  viene fatta risalire  al periodo della dominazione romana, motivata dall’utilizzo delle notevoli risorse minerarie presenti nella zona, in modo particolare di ferro. Tuttavia si ipotizza che la zona fosse già abitata da alcune piccole tribù di Galli, anche perché sul territorio è presente un masso con le sembianze di un antico altare druidico, forse utilizzato per cerimonie pagane o riti magici. Nei secoli successivi il borgo passò sotto il controllo del Sacro Romano Impero che, con Carlo Magno, donò l’intera valle ad un monastero francese; in seguito a successiva permuta, la zona divenne di proprietà del vescovo di Bergamo, che ne fece un feudo;  nel 1231 la Comunità di Scalve, fondata sull’aggregazione delle principali famiglie locali , acquistò l’intero territorio, organizzandosi per deliberare su interessi comuni e per amministrare la giustizia in maniera autonoma, dotandosi anche  di propri Statuti: nacque così l’Antica Repubblica di Scalve,  che nel 1428, accettando di buon grado l’annessione alla Repubblica di Venezia e assicurando fedeltà,  si garantì la continuità della propria  autonomia amministrativa. Con la fine della Repubblica Serenissima e l’avvento della Repubblica Cisalpina  nel 1797,  la comunità venne di fatto smembrata ponendo fine ad un’autonomia millenaria , ed i borghi principali acquisirono la propria autonomia comunale.  Anche successive modifiche operate dai vari regimi che si susseguivano negli anni, modificarono i confini territoriali ma non intaccarono mai l’autonomia comunale di Schilpario. Con il dominio austriaco nella zona del Lombardo-Veneto, la concorrenza del materiale ferroso proveniente da altre Regioni dell’Impero rappresentò un grave colpo per l’economia scalvina e in particolare per l’attività estrattiva nelle miniere di Schilpario, dando inizio ad un notevole fenomeno di emigrazione. Nel periodo intercorrente tra le due guerre mondiali, la richiesta di metallo ferroso destinato alla produzione di armi subì però un incremento, ma la grave crisi del dopoguerra portò all’inizio degli anni 70 alla chiusura definitiva delle miniere di Schilpario. Schilpario è famosa per i propri impianti di risalita nella conca di Epolo, riaperti dopo molti anni di chiusura nel 2006, e per la pista di sci da fondo collocata nella stupenda pineta di abeti adiacente al paese. Numerose e interessanti  sono anche le possibilità di escursione, a vari livelli: dalle tranquille abetaie alle cime delle vette locali, dove è possibile anche arrampicare in parete.L’imponente chiesa parrocchiale, edificata tra il 1664 e il 1682 in sostituzione di una precedente costruzione del 1338, è dedicata a Sant’Antonio da Padova, patrono del paese, la cui statua è posta alla sommità del campanile. Di notevole interesse a Schilpario è anche il locale museo etnografico, prezioso custode del passato e patrimonio storico e culturale per l’intera Valle di Scalve. Molto ricco di strumenti da lavoro e oggetti della vita quotidiana passata, il museo è valorizzato anche da ampia dotazione di documenti e materiale fotografico. La sua singolare collocazione evidenzia su uno dei lati esterni dell’edificio una grande ruota da mulino, con le pale azionate dall’acqua del torrente Dezzo che vi scorre a fianco, collegata all’interno con ruote dentate che azionano macina, frantoio e torchio per la produzione dell’olio di lino, oltre che per la frantumazione del frumento. 

ITINERARI DI SCHILPARIO

Chiesa di Sant’Antonio

La chiesa parrocchiale, dedicata a Sant’Antonio da Padova. Edificata nel XVII secolo in luogo di una precedente chiesa, è dotata di un campanile al termine del quale è posta una statua del santo patrono, nonché di opere pittoriche del Cifrondi e del Carpinoni, e di sculture di scuola fantoniana. Nella navata principale si può inoltre ammirare la statua raffigurante il cardinaleAngelo Mai, nativo di Schilpario.

Nel gennaio del 1820, anno in cui il cardinale trovò alcuni frammenti del “De re publica” di Cicerone, Giacomo Leopardi gli dedicò l’ode intitolata Ad Angelo Mai. Parte di quest’ode è stata recentemente incisa su pietra nella piazza principale.

Popolazione Residente
1.186 (M 578, F 608)
Densità per Kmq: 18,6
Superficie: 63,87 Kmq
Codici
CAP 24020
Telefonico Prefisso 0346
Codice Istat 016195
Codice Catastale I530
Informazioni
Denominazione Abitanti schilpariesi
Santo Patrono Sant’Antonio
Festa Patronale 13 giugno
Etimologia (origine del nome)
Si relaziona con la voce dialettale schirpa, dotazione di forni di ferro e di miniere, in riferimento alla presenza di miniere di ferro e forni di fusione.
Il Comune di Schilpario fa parte di:
 Comunità Montana di Sclave
 Parco delle Orobie Bergamasche
Località e Frazioni di Schilpario
Pradella, Barzesto, Ronco
Comuni Confinanti
Azzone, Borno (BS), Cerveno (BS), Lozio (BS), Ossimo (BS), Paisco Loveno (BS), Teglio (SO), Vilminore di Scalve
Musei nel Comune di Schilpario
 Museo Etnografico
 Museo della Miniera
Chiese e altri edifici religiosi schilpariesi
 Chiesa parrocchiale di Sant’Antonio da Padova

MERCATI SETTIMANALI

Schilpario Piazzale S. Elisabetta venerdi (dal 04/07 al 29/08) 57 Banchi
Schilpario Piazza Cardinal May venerdi 12 Banchi

Numeri utili GENERALI

Carabinieri

112

Polizia Stradale

035.276.300

Polizia di Stato

113

Polizia Locale (centrale operativa) 

035.399.559

Vigili del Fuoco

115

Protezione Civile

035.399.399

Guardia di Finanza

117

Chiamata urgente su n° occupato 

4197

Corpo Forestale

1515

Pronto intervento ASM

800.014.929

Emergenza Sanitaria

118

Guasti fognature, acqua e gas   

035.216.162

Guardia medica

035.455.51.11

Enel (guasti luce) 

803.500

ATB     

035.236.026

Radio Taxi       

035.451.90.90

Comuni Confinanti

Azzone

Vilminore di Scalve

Borno (BS)

Cerveno (BS)

Lozio (BS)

Ossimo (BS)

Paisco Loveno (BS)

Teglio (SO)

Pubblicato in MERCATI BERGAMO, PROVINCIA BERGAMO, Val di Scalve e Venerdì Mercati Bergamo

SPONSOR di Schilpario – Vuoi sostenere la pagina del tuo comune?

INFORMAZIONI

Attività SchilparioNegozi SchilparioAziende SchilparioServizi SchilparioLocali SchilparioRistoranti SchilparioPizzerie SchilparioItinerari SchilparioPaese SchilparioComune SchilparioDove andare SchilparioInformazioni SchilparioNotizie Schilpario Info Schilpario Storia SchilparioPersonaggi Schilpario Numeri Utili Schilpario Curiosità Schilpario Popolazione Schilpario Frazioni Schilpario Vivere Schilpario Informazioni Turistiche Schilpario Schilpario Comune Schilpario Informazioni Schilpario Paese Schilpario Fotografie Immagini SchilparioSchilpario FotografieFoto SchilparioEventi SchilparioScuole SchilparioAssociazioni SchilparioHotel SchilparioDove Dormire SchilparioOggi SchilparioDove Mangiare Schilpario