Comune di Ardesio – Informazioni Paese e Turismo

ARTICOLI Ardesio   ITINERARI  Ardesio   EVENTI  Ardesio NEGOZI Ardesio   MANGIARE  Ardesio   DORMIRE  Ardesio   LOCALI  Ardesio SERVIZI  Ardesio AZIENDE Ardesio CASE  Ardesio SCUOLE  Ardesio ASSOCIAZIONI  Ardesio ARTISTI Ardesio   WEB CAM Ardesio   VIDEO  Ardesio

CENNI STORICI:

Il capoluogo giace sulla sponda sinistra del Serio, su un terrazzo fluviale circondato dai monti, che grado a grado che si elevano, lasciano il posto a vasti prati, a ricchi ed estesi boschi, a pascoli. Il Comune è attraversato in senso longitudinale dal Serio, fiume ricco ancora di limpide acque. In senso latitudinale, ad Est, vi è la valle del torrente Rino che nasce dalle pendici del Monte Timogno, taglia il dirupo della “Curt”, e prima di buttarsi nel Serio attraversa Ardesio.

Ad Ovest il torrente Acqualina, che nasce dal laghetto montano del Branchino, scorre a Nord dell’asse montuoso del Monte Secco e dell’Arera, creando scorci ambientali di rara suggestione soprattutto in quei luoghi dove le folte abetaie sembrano nascere dalle stesse acque. Anche l’Acqualina sfocia nel Serio.

La conca di Ardesio è dominata ad Ovest dal Monte Secco (m. 2.266) e dalla cima del Monte Vaccaro (m. 1.957). Da qui si diparte la cresta “dolomitica” che, attraverso le cime di Fop e Valmora, giunge sino al Pizzo Arera.

Dall’altra parte del Serio si eleva il Monte Redondo (m. 1.800), e dal pascolo di Vodala si alza il monte che conduce alla cima del Monte Timogno (m. 2.163). Si discende quindi a Sud accerchiando la valle del Rino attraverso i pascoli del Remescler, della Spigla, del Colle Palazzo sino a Cima di Corna Rossa che alle spalle del capoluogo chiude l’anfiteatro montuoso.

Recenti studi attestano l’esistenza del borgo già dal periodo dell’impero Romano.

Dopo le numerose invasioni barbariche, il paese si trovò conquistato da Carlo Magno. L’imperatore donò il paese e le zone limitrofe all’Abbazia dei monaci di Tours, i quali a loro volta la permutarono, qualche anno più tardi, con altri terreni, a favore del vescovo di Bergamo nell’anno 1026.

Il vescovo ampliò i suoi possedimenti nella zona, visto che sul territorio si trovavano miniere di argento, rame e ferro, tanto da costruirsi una residenza nella piazza centrale del paese. Di questo fastoso edificio sono rimasti pochi resti, anche a causa di un incendio appiccato qualche anno più tardi, quando la zona passò sotto il controllo dei comuni.

 

Santuario della Beata Vergine Maria

 

Santuario della Madonna delle Grazie.

il santuario dedicato alla Beata Vergine Maria,è stato costruito dopo l’acquisto della casa di Marco Salera, luogo dove avvenne l’apparizione in data 23 giugno 1607, deliberato dal Consiglio Comunale già il 13 gennaio 1608, destinando la somma di 4.300 Lire imperiali per la demolizione e la costruzione di una chiesa mantenendo però intatta la stanza dei Santi per formare la Cappella Maggiore della Chiesa.

Ora al di sopra dell’altare, vi è ancora il dipinto delle Sacre Immagini del XV secolo; mentre due ovali opera del Gaetano Guadagnini, sono posti ai lati del presbiterio, del medesimo pittore le due pale poste al centro della chiesa. Di sicuro interesse l’organo datato 1636 di Giovanni Rogantino di Morbegno (SO) con 1345 canne di cui 1255 di metallo e 90 di legno pregiato; la cassa, di origine rinascimentale, è composta da cinque campane e presenta numerosi intagli. Attribuita a Palma il giovane è invece la pala a lato del confessionale sul fondo della chiesa.

Il campanile progettato dall’architetto Giovanmaria Bettera da Gandino, venne iniziato nel 1645 e ultimato nell’arco di vent’anni con una spesa di ventimila scudi. Costruito in marmo gridio della cava locale oggi chiamata “Corna della Madonna”. Raggiunge l’altezza di 68 metri.

Chiesa Parrocchiale

 

Chiesa parrocchiale di san Giorgio

Dedicata a San Giorgio, fu costruita sopra una chiesa precedente datata 1176; nel 1455 fu infatti il vescovo Barozio a volerne la nuova costruzione e poi solo nel ‘600 venne adornata di affreschi e stucchi. La chiesa infatti è ricca di opere e pitture ben conservate.Le ampie volte in tufo di Nasolino che formano il presbiterio, sostituirono nel 1737 l’antica sagrestia su disegno delCaniana, mentre i fratelli Marinoni e Paolo Mazzoleni eseguirono le decorazioni nel 1864. La pala posta sull’altare è del veronese Saverio Dalla Rosa datato 1783. di pregevole fattura la tela di Carlo Ceresa datata 1674 raffigurante l’Annunciazione e l’Angelo custode tra i Santi Lorenzo e Giorgio. L’altare maggiore, così come quello del Rosario e del Suffragio sono di scuolafantoniana. Del clusonese Lattanzio Querena gli ovali sul presbiterio del 1837. Il campanile eretto nel 1487 venne sopraelevato nel 1871

Il sepolcro fantoniano

al di sotto dell’altare maggiore del Santuario, troviamo lo scurolo dove si trova il “Sepolcro fantoniano” composto da ben sette statue di grandi proporzioni. Il Cristomorto posto su di un giaciglio, con a fianco la Maria Addolorata, la Maddalena, Giovanni Evangelista, Maria di Cleofa, Giuseppe di Arimatea, e Nicodemo. Moltepliche sono state queste produzioni dalla bottegafantoniana dal periodo che intercorre dal 1690 al 1782, presumibilmente questa tra le ultime, in quanto il Cristo venne commissionato nel 1711 mentre le altre figure nel 1782. Il “compianto” fu commissionato dalla Confraternità dei Disciplini.

La chiesa di S. Pietro

Difficile la collocazione storica di questo oratorio, presumibilmente risalente al XIV secolo e terminato nel XV secolo, mentre il porticato che lo circonda viene datato del XVI secolo secondo le indicazioni di San Carlo Borromeo. L’interno è ornato di un affresco sopra l’altare maggiore attribuito a “Alessandro de Ardese” mentre l’affresco del Battesimo di Cristo si considera risalente al 1400 in quanto segue l’andamento ondulatorio delle pareti. Ora l’oratorio èsconsacrato ed usato dalla Banda musicale per le preparazioni ai concerti.

La chiesa di S. Antonio

La chiesa è posta in località Zafalino nella parte più a nord del paese, costruita nel XVII secolo da Pietro Cacciamali per adempiere la volontà del defunto fratello Don Bartolomeo. La costruzione è a croce greca con volta a tazza su quattro archi, così come il presbiterio; arricchita di affreschi ottocenteschi di Lattanzio Querena di Clusone. Sue sono anche le due tele laterali raffiguranti Sant’Antonio

La pala dell’altare rappresentante la Madonna del Carmine con i santi Antonio, Luigi e Pietro martire, viene attribuita a Saverio Dalla Rosa, contrariamente qualcuno la ritiene opera di Giuseppe Orelli. Di recente costruzione è invece il campanile in pietra locale, datato 1930.

La chiesa dei Disciplini

Sulla parte posteriore del sagrato della Chiesa Parrocchiale di San Giorgio, si trova la piccola chiesa della confraternita dei Disciplini o di San Bernardino. L’ancora in legno scolpito e intagliato posta supra l’altare rappresenta la Pietà con la Maddalena e San Bernardino del XV secolo. All’esterno l’affresco con il Crocifisso, la Madonna, Maddalena, San Bernardino e San Giovanni, con due disciplini porta la data 1622, da cui il nome della chiesa.

Il sacello di San Rocco

La cappella è un piccolo ambiente con affreschi del quattrocento di recente restauro raffiguranti S.Rocco, S.Antonio abate, la Pietà, S. Sebastiano, S. Pietro e S.Paolo; all’interno è conservata la vasca battesimale della vecchia parrocchia di Ardesio.

Il palazzo del Vescovo

Del palazzo, risalente al XII secolo, rimane poco, ma la sua importanza è documentata nei diversi atti dei primi anni del secondo millennio. Collocato sulla piazza principale, intitolata a Bonvicino Moretto, pittore del Cinquecento, all’interno si trova la stanza della Congregazione dei morti, con un portale in pietra decorata, recante la data 1672, ed una Danza macabra.

Museo Etnografico Alta Valseriana

Il MetA, Museo Etnografico dell’Alta Valle Seriana, ha lo scopo di analizzare il rapporto secolare tra territorio e le attività della popolazione della valle con riferimento in particolare alla filatura, al lavoro dei carbonai, dei muratori, dei boscaioli e dei minatori, suddividendosi in quattro sezioni.

Costituito nel 1982 ha variato la propria sede e ora viene collocato in piazza Monte Grappa. Ogni sala descrive le diverse attività che si svolgevano nella valle, dall’antico rito del poiat nella sala dei boscaioli e carbonari, ricostruendone l’ambiente, ai reperti rimasti delle antiche miniere della sala minatori, antichi telai nella sala tessitori, fino alla ricostruzione di una antica costruzione della fine ‘800. Il museo è aperto al pubblico ogni sabato, domenica e festivi negli orari dalle 16 alle 18

Popolazione Residente
3.518 (M 1.777, F 1.741)
Densità per Kmq: 65,4
Superficie: 53,76 Kmq
Codici
CAP 24020
Telefonico Prefisso 0346
Codice Istat 016012
Codice Catastale A383
Informazioni
Denominazione Abitanti ardesiani
Santo Patrono San Giorgio Martire
Compatrono San Pietro
Etimologia (origine del nome)
In dialetto Ardes, attestato anche nelle forme Ardexie e Ardescie, deriva dal latino aridus (arido) con l’aggiunta del suffisso -ensis.
Il Comune di Ardesio fa parte di:
 Comunità Montana Valle Seriana Superiore
 Parco delle Orobie Bergamasche
Località e Frazioni di Ardesio
Bani, Valcanale
Comuni Confinanti
BranziGromoOltre il ColleOltressenda AltaParrePremoloRoncobelloValgoglioVilla d’Ogna
Musei nel Comune di Ardesio
 Museo Etnografico dell’Alta Valle Seriana
Chiese e altri edifici religiosi ardesiani
 Santuario della Madonna delle Grazie
 Parrocchiale di Santa Maria Assunta (a Valcanale)
 Chiesa Parrocchiale di San Giovanni Battista (nella frazione Bani)
Eventi, Feste e Sagre
 Scasada di Senerù (31 gennaio)

MERCATO SETTIMANALE

Ardesio

Via Duca d’Aosta giovedi 08:00/13:00 21 Banchi

NUMERI UTILI ARDESIO

SOCCORSO PUBBLICO D’EMERGENZA

113

EMERGENZA SANITARIA

118

CROCIE BLU Gromo

+39 0346 41530

GUARDIA MEDICA

+39 0346 41079

POLIZIA MUNICIPALE

+39 0346 33035

CARABINIERI – Caserma di Ardesio

+39 0346 41079

CARABINIERI – Pronto intervento

+39 112

POLIZIA BERGAMO

+39 035 276 111

POLIZIA STRADALE – Bergamo

+39 035 238 238

SOCCORSO STRADALE ACI

116

E.N.E.L.

800 900 800

ASL – Distretto di Gromo

+39 0346 41106

ASS.P.A. CROCE BLU

+39 0346 41063
+39 0346 41530

VIGILI DEL FUOCO – Pronto Intervento

115

COORDINAMENTO ANTIINCENDIO
SEGNALAZIONE FUOCHI DI PULITURA

+39 0346 42000

BIBLIOTECA

+39 0346 34236

MUSEO ETNOGRAFICO ALTA VALLE SERIANA

+39 0346 33035

PRO LOCO

+39 0346 33289

POSTO TELEFONICO PUBBLICO (BANA, Via Marconi 12)

+39 0346 33012

PARROCCHIO S. GIORGIO

Don Guglielmo Capitanio

+39 0346 33022

SANTUARIO MADONNA DELLE GRAZIE

Don Mario Belotti

+39 0346 33097

PARROCCHIA S. MARIA ASSUNTA – Valcanale/Bani

Don Fabio Picinali

+39 0346 35000

valcanale@diocesibg.it

ORATORIO ARDESIO

info@oratorioardesio.it

POSTE E TELECOMUNICAZIONI

+39 0346 34566

SCUOLA MEDIA UNICA

+39 0346 33017

SCUOLE ELEMENTARI

+39 0346 34060

SCUOLE ELEMENTARI – Valcanale

+39 0346 35040

SCUOLA MATERNA – Valcanale

+39 0346 35022

ASILO “BARI MANINETTI”

+39 0346 33179

INFERMIERIA FILISETTI

+39 0346 33087

OSPEDALE A. LOCATELLI – Piario

+39 035 3066411

DOTT. BERNINI ENNIO (Medico Condotto)

+39 338 7421515

DOTT. PISTACCHIO GIULIANO (Medico Condotto)

+39 0346 33582

DOTT. MILANI VITO (Medico Condotto)

+39 348 4725054 

DOTT. CORNO GIOVANNA (Pediatra)

+39 0346 74877

CORPO FORESTALE – Gromo

+39 0346 41238

CONSORZIO FORESTALE – “Alto Serio” Gromo

+39 0346 42466

COMUNITA’ MONTANA VALLE SERIANA

+39 0346 22400

BANCA DI VALLE CAMONICA

+39 0346 23966

BANCA POPOLARE DI BERGAMO – UBI BANCA

+39 0346 20415

L’ECO DI BERGAMO CLUSONE

+39 0346 23808

RADIO ANTENNA 2

+39 0346 20280

RADIO TELE CLUSONE

+39 0346 921231

SAB AUTOSERVIZI CLUSONE

+39 0346 21303

FERROVIE DELLO STATO

+39 035 247950

AEROPORTO ORIO AL SERIO

+39 035 326111

AEROPORTI LINATE/MALPENSA

+39 02 7485 2200 

   

FARMACIE DI TURNO 24H

+39 800 356 114

FARMACIA DI ARDESIO

+39 0346 33016

FARMACIA DI VILLA D’OGNA

+39 0346 21059

FARMACIA DI GROMO

+39 0346 41122

FARMACIA DI VALBONDIONE

+39 0346 44029

FARMACIA DI CLUSONE

+39 0346 21106

+39 0346 21107

FARMACIA DI ROVETTA

+39 0346 72041

Numeri utili GENERALI

Carabinieri

112

Polizia Stradale

035.276.300

Polizia di Stato

113

Polizia Locale (centrale operativa) 

035.399.559

Vigili del Fuoco

115

Protezione Civile

035.399.399

Guardia di Finanza

117

Chiamata urgente su n° occupato 

4197

Corpo Forestale

1515

Pronto intervento ASM

800.014.929

Emergenza Sanitaria

118

Guasti fognature, acqua e gas   

035.216.162

Guardia medica

035.455.51.11

Enel (guasti luce) 

803.500

ATB     

035.236.026

Radio Taxi       

035.451.90.90

Pubblicato in Alta ValSeriana, Giovedì Mercati Bergamo, MERCATI BERGAMO, PROVINCIA BERGAMO e Valle Seriana

SPONSOR di Ardesio – Vuoi sostenere la pagina del tuo comune?

INFORMAZIONI

Attività ArdesioNegozi ArdesioAziende ArdesioServizi ArdesioLocali ArdesioRistoranti ArdesioPizzerie ArdesioItinerari ArdesioPaese ArdesioComune ArdesioDove andare ArdesioInformazioni ArdesioNotizie Ardesio Info Ardesio Storia ArdesioPersonaggi Ardesio Numeri Utili Ardesio Curiosità Ardesio Popolazione Ardesio Frazioni Ardesio Vivere Ardesio Informazioni Turistiche Ardesio Ardesio Comune Ardesio Informazioni Ardesio Paese Ardesio Fotografie Immagini ArdesioArdesio FotografieFoto ArdesioEventi ArdesioScuole ArdesioAssociazioni ArdesioHotel ArdesioDove Dormire ArdesioOggi ArdesioDove Mangiare Ardesio