Comune di Sovere – Informazioni Paese e Turismo

ARTICOLI Sovere  ITINERARI  Sovere  EVENTI  Sovere NEGOZI Sovere  MANGIARE  Sovere  DORMIRE  Sovere  LOCALI  Sovere SERVIZI  Sovere AZIENDE Sovere CASE  Sovere SCUOLE  Sovere ASSOCIAZIONI  Sovere ARTISTI Sovere  WEB CAM Sovere  VIDEO  Sovere

CENNI STORICI DI SOVERE

Le origini del paese risalgono all’epoca romana, come confermano recenti ritrovamenti di monete ed altro materiale risalente a quel periodo. Pare difatti che i Romani utilizzassero la zona per controllare lo sbocco della stessa valle Borlezza verso la Val Camonica, centro nevralgico dei trasporti e dei commerci.

Al termine della dominazione romana, il paese subì le scorrerie di alcune tribù “barbare”, tra cui gli Alani e gli Ungari, che perpetrarono saccheggi ai danni della popolazione, la quale dovette subire anche una serie impressionante di pestilenze e terremoti.

Tuttavia il primo documento scritto che attesta l’esistenza del toponimo di Sovere risale all’anno 837, quando viene indicato come Suberas. Qualche anno più tardi nei documenti il nome appare traslato in Suare, fino ad assumere l’attuale denominazione.

Il territorio, dopo essere passato sotto la dominazione longobarda prima, e del Sacro Romano Impero poi, fu ceduto al vescovo della città di Bergamo come riconoscimento dei favori compiuti in sede dei trattati di pace, con un editto redatto nel 1168.

I secoli seguenti, in pieno periodo medievale, videro il paese al centro delle dispute fratricide tra guelfi e ghibellini. A tal periodo risale un castello, posto ai margini del centro abitato, di proprietà della famiglia Foresti. Gli scontri ebbero il loro apice nel corso del XIV secolo, e terminarono soltanto con l’annessione del territorio alla Repubblica di Venezia.

Nei secoli successivi il paese seguì le sorti del resto della provincia di Bergamo.

Nel 1928 il comune assume le dimensioni attuali quando viene ad esso aggregato il comune di Sellère.

Da visitare a Sovere

Numerosi sono le costruzioni degne di nota, tra cui i numerosi palazzi dislocati su tutto il territorio comunale. Il principale è Palazzo Venturi, posto nel Borgo San Gregorio e risalente al XVII secolo. Edificato dalla famiglia Bonassoli in perfetto stile barocco con affreschi importanti, dal 1973 è riconosciuto come monumento nazionale.

Anche Palazzo Bottaini è un elemento caratteristico del borgo: situato anch’esso nel Borgo San Gregorio e strutturato in due edifici nel corso del XVIII secolo, è ora sede della biblioteca civica. Frontalmente ad esso si trova Palazzo Zitti, risalente al XVI secolo e circondato da un imponente parco. Molto caratteristico è il loggiato costituito da piccoli archi e colonne in pietra di Sarnico.

Nel borgo San Martino si trovano invece Palazzo Baroni risalente al XIX secolo, possiede rinomati affreschi e stucchi pregiati e Palazzo Longhini[4], dotato di un cortile con una fontana e porticato.

Caratteristico del “Palazzo Longhini” il grande portone, (più di 5 metri di altezza), in frassino dipinto di un verde brillante che spicca in contrasto col giallo della facciata, creando un gioco di colori.

In tale contesto vi sono due colonne in pietra di Sarnico a sorreggere il porticato, le quali sono tutt’ora fornite degli originali ganci funzionali a legare i cavalli sul ciottolato, ganci che sono anche un emblema della fucina “Longhini & Botta” che proprio in questo palazzo ha visto sia la sua nascita che il suo tramonto, e i cui uncini sono probabilmente stati forgiati dalla stessa mano del Longhini.

Con la sua vista sul monte di Bossico e il perpetuo suono delle acque del fiume Borlezza, il Palazzo si inserisce perfettamente nel contesto alto-Bergamasco.

Palazzo Silvestri, utilizzato come centro scolastico, è di origine seicentesca, possiede pavimenti mosaicati in stile veneziano e affreschi con scene risorgimentali dipinte da Antonio Guadanini: era utilizzato dalla famiglia Silvestri, di gran rilievo in quei tempi, dapprima come abitazione poi come residenza per le vacanze. Palazzo Foresti è ciò che resta dell’antica fortificazione risalente al XIII secolo, con relativa torre difensiva.

Molto importante è la Malga Lunga. Situata sul monte di Sovere che sovrasta il paese, e vicina al confine con il comune di Gandino, è tutt’ora adibita a museo della resistenza, a memoria degli avvenimenti bellici che qui si verificarono nel 1944, nel corso della Seconda guerra mondiale.

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Malga Lunga.

Numerosi sono anche gli edifici religiosi degni di nota: La chiesa di Santa Maria e Santa Elisabetta, situata nella frazione di Sellere, custodisce opere pittoriche risalenti al XV ed al XVII secolo.

Il Convento dei Frati Cappuccini, ora utilizzato da un gruppo religioso denominato “delle beatitudini”, venne edificato nel corso del XVI secolo, ed è dotato di un caratteristico chiostro e di una chiesetta con un dipinto di Palma il Giovane.

Ma la costruzione più importante è senza dubbio il Santuario della Madonna della Torre che, riconosciuto come monumento nazionale, svetta sull’abitato del paese. Riedificato nel corso del XVII secolo in luogo di un’antica costruzione risalente addirittura al IX secolo, possiede tre navate con colonne in pietra di Sarnico e numerosi stucchi ricoperti d’oro. Numerosi furono gli artisti che collaborarono all’esecuzione dei lavori: tra questi Battista Agazzi, G.Maria Ongaro, Alessandro Armani, Andrea Fantoni, Marziale e Domenico Carpinoni, i fratelli Serassi, Antonio Cifrondied il Cavagna.

Popolazione Residente
5.350 (M 2.624, F 2.726)
Densità per Kmq: 300,7
Superficie: 17,79 Kmq
Codici
CAP 24060
Telefonico Prefisso 035
Codice Istat 016204
Codice Catastale I873
Informazioni
Denominazione Abitanti soveresi
Santo Patrono San Martino
Festa Patronale 11 novembre
Etimologia (origine del nome)
Documentato come Suberas, dal nome latino di pianta suber, sughero. Poiché è dubbia questa ipotesi, in quanto non è dimostrabile la presenza in loco di sughero, si può in alternativa ipotizzare una derivazione dall’aggettivo superus, “che sta sopra”.
Il Comune di Sovere fa parte di:
 Comunità Montana Alto Sebino
Comuni Confinanti
BossicoCereteEndine GaianoGandinoLoverePianicoSolto Collina
Chiese e altri edifici religiosi soveresi
 Santuario della Madonna della Torre

MERCATI SETTIMANALE

Sovere Piazza Aldo Moro martedi 20 Banchi
Sovere Via Provinciale Frazione Sellere mercoledi 3 Banchi

Numeri utili GENERALI

Carabinieri

112

Polizia Stradale

035.276.300

Polizia di Stato

113

Polizia Locale (centrale operativa) 

035.399.559

Vigili del Fuoco

115

Protezione Civile

035.399.399

Guardia di Finanza

117

Chiamata urgente su n° occupato 

4197

Corpo Forestale

1515

Pronto intervento ASM

800.014.929

Emergenza Sanitaria

118

Guasti fognature, acqua e gas   

035.216.162

Guardia medica

035.455.51.11

Enel (guasti luce) 

803.500

ATB     

035.236.026

Radio Taxi       

035.451.90.90

Pubblicato in Laghi Bergamaschi, Martedì Mercati Bergamo, MERCATI BERGAMO, Mercoledì Mercati Bergamo e PROVINCIA BERGAMO

SPONSOR di Sovere – Vuoi sostenere la pagina del tuo comune?

INFORMAZIONI

Attività SovereNegozi SovereAziende SovereServizi SovereLocali SovereRistoranti SoverePizzerie SovereItinerari SoverePaese SovereComune SovereDove andare SovereInformazioni SovereNotizie Sovere Info Sovere Storia SoverePersonaggi Sovere Numeri Utili Sovere Curiosità Sovere Popolazione Sovere Frazioni Sovere Vivere Sovere Informazioni Turistiche Sovere Sovere Comune Sovere Informazioni Sovere Paese Sovere Fotografie Immagini SovereSovere FotografieFoto SovereEventi SovereScuole SovereAssociazioni SovereHotel SovereDove Dormire SovereOggi SovereDove Mangiare Sovere