Comune di Levate– Informazioni Paese e Turismo

ARTICOLI Levate  ITINERARI  Levate  EVENTI  Levate NEGOZI Levate  MANGIARE  Levate  DORMIRE  Levate  LOCALI  Levate SERVIZI  Levate AZIENDE Levate CASE  Levate SCUOLE  Levate ASSOCIAZIONI  Levate ARTISTI Levate  WEB CAM Levate  VIDEO  Levate

CENNI STORICI:

I primi insediamenti abitativi sul territorio comunale sono molto antichi e risalgono all’epoca romana, come si evince da alcuni ritrovamenti archeologici consistenti in una necropoli ed annesso corredo funebre di età precristiana.

I reperti, venuti alla luce in una zona a nord del territorio comunale, rappresentano uno dei numerosi segni della presenza romana nella zona centro-occidentale della pianura bergamasca. Il termine della dominazione romana portò un periodo di spopolamento del territorio, dovuto all’instabilità data dalle invasioni barbariche e dalle cattive condizioni di vita.

La situazione cambiò radicalmente con l’arrivo del medioevo, epoca in cui vi fu un notevole incremento demografico che ebbe inizio con l’arrivo dei Franchi, i quali istituirono il Sacro Romano Impero. È a questo periodo che risale il primo documento in cui si attesta l’esistenza del toponimo: nell’anno 875 si cita il borgo di Lavate. L’origine etimologica pare risalire alla parola Law, derivante dal celticoacqua.

Questa tesi, oltre che ad anticipare i primi insediamenti all’epoca dei Galli Cenomani, indica un territorio sito in prossimità di corsi d’acqua, identificabili con il torrente Morla. Un’altra ipotesi vorrebbe far derivare il nome dal termine latinoelevatum, che starebbe ad indicare un territorio posto in una posizione superiore rispetto al resto della bassa pianura.

I nuovi dominatori instaurarono il regime feudale, che ebbe grande sviluppo nella bergamasca e che caratterizzò una profonda instabilità politica e sociale, dovuta anche ai numerosi scontri tra le fazioni dei guelfi e dei ghibellini. Anche Levate visse questa situazione, tanto da doversi dotare di fortificazioni a scopo difensivo, come evidenziato dalla cinta muraria e dal fossato che proteggevano il borgo fin dal X secolo.

Il territorio comunale fu affidato inizialmente ai conti del comitato della città di Bergamo, ai quali subentrarono i monaci del capoluogo orobico. Nuovi cambi portarono il paese a schierarsi con la fazione ghibellina, fatto che causò ripetuti attacchi della fazione guelfa tra il 1405 e 1406, che misero a ferro e fuoco l’intero borgo.

La situazione ritornò alla tranquillità a partire dal 1428 quando, unitamente al resto della provincia bergamasca, venne posto sotto il dominio della Repubblica di Venezia, la quale emanò una serie di provvedimenti volti a migliorare la situazione sociale ed economica. Da quel momento pochi furono gli avvenimenti degni di nota, tra i quali si ricorda la costruzione, per opera di Bartolomeo Colleoni, di un canale irriguo nel 1472, ed alcuni saccheggi perpetrati dalle truppe francesi nel XVI secolo e da quelle tedesche nel XVIII secolo.

Per il resto Levate seguì le sorti politiche del resto della provincia, trasformandosi da centro rurale dedito all’agricoltura a piccolo centro industriale, con conseguente sviluppo demografico ed edilizio a partire dalla seconda metà del XX secolo.

Numeri utili GENERALI

Carabinieri

112

Polizia Stradale

035.276.300

Polizia di Stato

113

Polizia Locale (centrale operativa) 

035.399.559

Vigili del Fuoco

115

Protezione Civile

035.399.399

Guardia di Finanza

117

Chiamata urgente su n° occupato 

4197

Corpo Forestale

1515

Pronto intervento ASM

800.014.929

Emergenza Sanitaria

118

Guasti fognature, acqua e gas   

035.216.162

Guardia medica

035.455.51.11

Enel (guasti luce) 

803.500

ATB     

035.236.026

Radio Taxi       

035.451.90.90

Pubblicato in Alta Pianura Bergamasca, MERCATI BERGAMO, Pianura Bergamasca, PROVINCIA BERGAMO e Venerdì Mercati Bergamo